20081230

fulaghi

Fulaghì = diavoletto
In alcune zone della provincia di Bergamo il termine è usato per indicare il cupido bendato che rappresenta l'asso di coppe delle carte bergamasche.

Un'altra figura "chiamata per nome" è la Margì, quattro di spade e moglie di Gioppino, un noto protagonista del teatro dei burattini locale.

Si incontrano personaggi particolari nelle carte da gioco della vostra città?

20081229

patoco

Patòco= evidente, del tutto, completamente

Probabilmente deriva da latino "pateo"
esser chiaro, manifesto.


Inamorà patòco: innamorato cotto
Cruo patòco: completamente crudo

Se se ricordassimo

Ormai, anca sto ano, el xe su i paraori,
co tuta na valisa de zogie e de dolori,
tegnindo, per la man, un so compagno novelo,
che de lu xe più sgagio, più zovin, più belo.

Lu, el xe vecio, el xe stanco, el se pusa al baston,
lu, el gà un gran rimorso, perché no el xe stà bon
de portar, in sto mondo, anca un poca de pase,
e de aver fato pianzer anca i muri de le case.

Lu, el gà soto el scagio, el gran libro de i conti,
del dar e de l’aver, co i do saldi zà pronti,
che, de quelo che el gà visto e de quelo che el gà fato,
el gà da renderghe conto al Re del Creato.

Quelo novo, el gà molà, cussì, a spiron batuo,
el bocia no sa gnanca perché el xe qua vegnuo,
lu, el gà visto el nono, si o no, mezo minuto,
restando po’ da solo e proprio nuo del tuto.<

Ma zà, tuti noialtri, apena che lo vedemo,
ghe femo na gran festa e se lo cocolemo,
sperando che el ne porta, al conto po’ de i fati,
trecento e po’ sessanta cinque zorni beati.

E cussi, ogni ano, la xe la stessa storia,
perché tuti noialtri manchemo de memoria,
savendo che, anca questo, come quelo che xe stà,
a la fin saluderemo, come l’ano passà.

Elio Ferrari

20081226

Fecazze

Focaccia barese
"La focaccia barese si prepara mescolando farina di grano tenero, sale, lievito e acqua. Ne deriva un impasto piuttosto liquido che si versa in una teglia rotonda, si condisce con olio, pomodori freschi, olive e poi si cuoce nel forno a legna. Proprio perché l'impasto è liquido, i pezzi di pomodoro e le olive sprofondano nella pasta, creando e riempendo dei piccoli crateri morbidi che diventano le parti più buone della focaccia. Si mangia calda ma non bollente, avvolta in un pezzo di carta da panificio, uscendo da scuola, al mare, per cena o anche per pranzo (o merenda o anche colazione, ma questa è roba da esperti): veloce, economico e deliziosamente unto.
La focaccia è una delle cose più buone al mondo. Mi trattengo dal dire che è la più buona per mantenere un minimo di prospettiva e per evitare il delirio campanilistico. Ci sono quelle sottili e croccanti, quelle altre e soffici, quelle con l'aggiunta delle patate o del rosmarino e molte altre varianti. Anche se la vera focaccia è quella con pomodori, olive, bordi bruciacchiati e basta. Va accompagnata, possibilmente, da una bella bottiglia di birra molto fredda. Se poi uno ha proprio voglia di un'incursione nell'alta cucina, il piacere supremo è la focaccia calda farcita con fette sottilissime di mortadella. La mortadella tagliata sottile, al contatto con la mollica calda e fragrante, sprigiona un profumo che fa impazzire le ghiandole salivari.
A differenza di molte cose buone, che sono scarse e spesso costose, la focaccia, a Bari, si trova ovunque ci sia un panificio. Cioè ovunque, e tutti se la possono comprare.
La focaccia, a Bari, è una metafora dell'uguaglianza e uno dei pochi simboli (fra questi, degne di nota anche le cozze crude) in cui i baresi riconoscono la loro identità collettiva.
Qualche ora prima, Paolo aveva detto che la cosa che gli mancava di più era il profumo della focaccia."

Gianrico Carofiglio - Né qui né altrove. Una notte a Bari - 2008

Sulla focaccia, approfondimenti qui e qui.

La focaccia ed il pane pugliese hanno fatto chiudere McDonald's ad Altamura, come è raccontato qui: quando una cosa è più buona, non c'è globalizzazione che tenga! A raccontare questo epico evento ci pensa il film Focaccia blues.

Su Facebook, a dimostrazione che si tratta di un vero prodotto cult, ben due gruppi di fans: qui e qui. Oltre al gruppo dei fan del mio panificio preferito: Eredi Violante, in via Addis Abeba 12, alla Madonnella.

E qui trovate l'etimologia della focaccia, che si chiama così perché nel cuore ha il fuoco.


pinelle

Ispirata da Novalis, ho pensato alle "pinèlle"... ossia, gli incisivi superiori quando sono "importanti"... grandi e sporgenti!

tolla

tolla (s.f.) | latta, lattina

stefani


stèfani = denti

sbàter i stèfani = mangiare, anche oggi di qualche impiego.
Vago a farme giustar i stèfani = vado dal dentista.
Te tiro un pugno su i stèfani! = minaccia.

Auguri a tutti i Stefani

20081225

natale


"Gelo: Stagione del candore -
per le più variate nevi
mille stelle sorelle
verso me prendono il cammino"


Andrea Zanzotto - Pieve di Soligo (TV) 1921



20081223

Pinucce e u Piccininne


Marì Marì
fa nasce u piccininne.
Acchiaminde ci vèntagrosse si' fatte,
sora mè.
Chisse so' cose
c'a nu certe punte
non te le pute tenè 'n guerpe cchiù:
l'a da sckattà daffore,
pure c'a da sckamà
com'a na matte
pe le dulure,
pure ce po' a da chiange,
pe la contentezze apprime,
po' pe l'angosce
de sapè che av'a morì uagnone,
che te l'hanne accide
com'a nu cane,
jidde, u cchiù buène,
jidde, core de mamme,
jidde, tutt'u bene c'ha trasute jinde a te
e po' av'assute e non s'ha fermate cchiù.

Marì, damme n'attane
che cudde mi' morì,
non m'arecuèrde bbune,
a la uèrre, accise sop'a la fatiche,
assute matte,
capa cazzate da kidde malamente,
o put'jesse che spariscì e avaste,
abbune abbune.

Marì, damme nu frate,
che manghe m'aricuerde
da quanta timpe
non vogghe a scekuà a pallone
che le combagne,
da quanta timpe
non facime a ci arrive apprime
a corre 'n mezze a la cambagne,
a cì skute cchiù lontane,
a cì av'a fa innamorà
kedda bella uagnèdde.

Damme nu figghie,
Marì,
pure che non è figghie a mè
pure che è figghie a n'Altune
o a n'altre e Trè.



Marì ha sgravate,
regale u figghie o' munne,
ma pe mo' vine a mamme,
pigghie u latte a la ninnì,
p'u acite stè tijmpe.

Pinucce a nu cuèste
pènze e acchiamènde,
prisciate.
Parève ce non avevame
fatte nudde
jinte a la vita nostre,
ma tanta volte
u nudde diventa assa',
le poveridde so' attane de Rè.

Pierangelo Indolfi © 2008
La traduzione in italiano qui

pefanini


gr 500 di farina
gr 300 di zucchero
gr 150 di burro
3 uova
½ bicchiere di latte
1 bustina di lievito
1 bicchierino di rum
1 cucchiaino di scorza di limone
confettini colorati
1 pizzico di sale

Impastare la farina con il burro ammorbidito, lo zucchero, le uova, la scorza di limone grattata , il lievito, il liquore e un pizzico di sale. Bagnare l'impasto con un po' di latte e lavorarlo velocemente, facendone poi una palla che dovrà riposare per mezz'ora in frigo. Stendere l'impasto con il mattarello dandogli uno spessore di 4 mm. Tagliarlo quindi con le apposite formine a forma di animali, cuori etc. Appoggiarli quindi a debita distanza l'uno dall'altro su una teglia imburrata e spennellarli con uovo sbattuto e poi coi confettini colorati. Cuocere in forno caldo per 20', finché non avranno assunto un bel colore tra il dorato e il nocciola.

pefana


Ho optato per una non-conventional Pefana...

20081221

nomi veneti


Adolfo = Dolfo
Alfonso = Fonso
Antonio = Toni
Ernesto = Nesto
Francesco = Checo
Giovanni = Joannin, Nane
Giuseppe = Bepi, Bepo, Beppin
Giuseppina = Bepa, Bepina
Luigi = Iijo
Luigino = Iijeto

20081218

tamiso


tamìso (s.m) | setaccio (prob. dal gallico "tamisium")

20081217

buto

wikipedia
buto (s.m.) | 1. germoglio; 2. gemma (botanica)

20081216

strasse

strasse = stracci

american strasse = parola usata specialmete un pò di tempo fa, ad indicare negozietti di abiti usati, per lo più, freak.

Il dialetto dell'amore

Ricordando Mariele Ventre e attendendo il Natale, una canzone dello Zecchino d'oro 1993, che nella sua semplicità ben interpreta lo spirito di questo blog.

Il testo è di Luciano Beretta (quello che ha scritto Il ragazzo della via Gluck) e lo trovate qui.

20081213

santa lucia

openclipart.org

da santa Lussìa, el fredo crussìa
[ a santa Lucia, il freddo è un tormento ]

Lussìa, Lùssia, Cia = Lucia
fredo = freddo
crussìare, crùziare [termine desueto] = crucciare, tormentare


~
più largamente diffuso:

a santa Lucia la note pì longa che ghe sia
[ a santa Lucia, la notte più lunga che ci sia ]

20081212

el xe nda via co i sui

El xe ndà via co i sui

È impazzito, è fuori di testa

20081211

Pcarìa

commons.wikimedia.org

Pensando ai salami appesi di Fausto, ecco un termine di attualità.

vocali

In italiano mentre le lettere a, i, u rappresentano ciascuna un solo suono vocalico, le lettere e, o sono ambigue, indicando ognuna una vocale aperta (è, ò) e una vocale chiusa (é, ó).

Per notare graficamente l'apertura delle vocali medie, è possibile servirsi degli accenti grave e acuto:
È ed Ò per indicare le vocali medio-basse, cioè aperte (come in italiano bèllo e nòve);
É ed Ó per indicare le vocali anteriore e posteriore medio-alte, cioè chiuse (in italiano védo e sóno).

Come accade per l'italiano, anche nel dialetto veneto le vocali medie si contrappognono:

óro (orlo, bordo, lato)òro (metallo prezioso; "òro!" esclamazione tipica per: bene, benissimo, benone, molto bene!)
stéa (stella) stèla (grossa scheggia di legno) *

* La L intervocalica cade quando preceduta da E ed I. In ogni altro contesto essa è mutata in semiconsonante palatale media...

20081210

zuita

Zuita = Civetta.

La "Z" si pronuncia la "Ts" in Tsunami. Più o meno... :-)

__________________
similia tag | soéta

20081207

bisula

Bisulà

20081206

rosegota

rosegòta (s.f.)
[da: "rosegàre" - rodere, rosicchiare, sgranocchiare]
=
Torta sgriesolona - dolce da forno di forma rotonda, alto circa 1 cm, particolarmente duro e nel contempo friabile, prodotto con farina gries, mandorle sgusciate e tritate, burro, rosso di uovo, zucchero, ricoperto con un foglio di pasta di mandorle scottata alla fiamma.

Rosegoto al maschile significa "tozzo di pane raffermo" e anche "pezzo di altro alimento rosicchiato". Si utilizzata anche in senso figurato: El ze un rosegòto de omo = è un uomo da niente (fisicamente).

La S si pronuncia come nell'italiano rosa.

20081204

sgnanfo


Sgnànfo = di chi parla con il naso, voce nasale (intraducibile in italiano)

20081202

Lu core me nen pénze a haddre a li saggicce che pènne da hadde

20081201

bergamo

bergamo (s.m.) | segreto, spiegazione, ragionamento enigmatico, busillis

PerCosìDire
"Capire el bergamo" - afferrare il senso del ragionamento;
"Parlare in bergamo" - parlare in modo incomprensibile;
"Scovrire el bergamo" - mangiare la foglia;
"No savère (= sapere) el bergamo" - non capire niente;
"Trovare el bergamo" - trovare il bandolo di una faccenda.

20081130

segri

Segrì (o sgrì) = brivido.

Perchè lo stridìo del gesso o delle unghie sulla lavagna fa venire i brividi?

La spiegazione del fenomeno è tutt'altro che semplice, e le opinioni in merito sono discordanti. Uno degli studi più accreditati è quello dello psicologo statunitense Randolph Blake, della Northwestern University.
Egli ha analizzato lo spettro del suono delle unghie sulla lavagna e lo ha separato nelle diverse frequenze da cui è composto. Poi ha eliminato di volta in volta alcune di esse chiedendo a un gruppo di volontari se provavano disagio. Ne è emerso che sono le frequenze centrali del suono, quelle comprese tra i 2000 e i 4000 hertz, a essere quelle più insopportabili.
Per scoprire il motivo di tanto fastidio, Blake ha passato in rassegna una serie di suoni e rumori della natura e di animali e ha scoperto che lo spettro sonoro delle unghie sulla lavagna è lo stesso delle urla di allarme di alcuni primati come gli scimpanzé. E' quindi probabile che questo suono ci faccia venire i brividi perché ci ricorda un segnale di allarme che doveva scatenare una reazione di difesa o di fuga nei nostri lontani progenitori. Pur variando in base alla sensibilità di ciascuno, questo tipo di brivido si tratterebbe perciò di una reazione biologicamente connaturata nel nostro organismo.

20081129

smataflone

Ceffone, sberla
La pronuncia è una particolare inflessione bolognese: "smataflàn", dopo la a accentata prende un breve suono a metà strada fra la o e la u e si conclude con la n.

Si usa minacciare i bambini "birichini" dicendo: "Se non la smetti, t'arriva uno smataflone!"


__________________
similia tag
| slepa ¬ stramusón

20081127

schito


schito = sterco di polli, oche e sim.
(termine di probabile origine onomatopeica)

botolo

Bòtolo (o bòtoeo). Il Tutolo, ovvero il "torsolo" della pannocchia di mais.

20081126

strucon

Strucón = Stretta (sost.)

Strucon, s.m. = forte stretta, abbraccio caloroso;
energico pizzicotto; fitta, morso all'intestino.

Strucon de buele
= crampo all'intestino.
Sentir un strucon al cuor = sentire una stretta al cuore, accorarsi.
Struconar
, v. = stringere, pizzicare, spremere con forza e ripetutamente;
abbracciare con particolare enfasi affettiva.

strucono, struconavo, struconarò, struconarìa, struconà

Struconarse
= stringersi con trasporto.
I xe sempre drìo struconarse = detto
specialmente degli abbracci che sogliono scambiarsi le coppiette.

20081125

moccolo

Móccolo = bestemmia
da cui il relativo verbo "smoccolare" (anzi, "smoccolà"), da non confondersi con il riflessivo "smoccolarsi" (anzi, "smoccolassi") che significa sbattere la faccia e rompersi il naso.


__________________
similia tag | bastigna

20081124

Mangett

openclipart.org

tont

Tónt

Indica il piatto piano (quello fondo è la fundìna), oppure un piatto in genere, o ancora una porzione.

20081123

bodda

La bòdda (detta anche bòta)

rubrica

Propongo al posto del tag Animali, una vera e propria Rubrica.
Come nome suggerisco : BESTIARIO o ANIMAL HOUSE....
Giochi invece lo farei confluire in JOKER...

Intanto questo, poi potrebbero venirmi in mente altre proposte...
avvertiti tutti :D


libri

Pare che in Italia se leza pochi libri rispèto a tuti i altri paesi europei, e no se capisse el parchè e el parcome. Forse parchè ne manca el tenpo, digo mi. Mi tuto quèo che go leto, lo go leto in bagno. Ghe ze do boni motivi par lezare un libro: uno, parchè el te piase e due, parchè te poi vantarte de averlo leto. Comunque no basta avere tanti libri, come che dise me mujer: "Dopo bisogna anca cavarghe a polvere!". Tanti libri novi i vìen desmentegà nel giro de un ano, in particolare da tuti quèi che te ghe li ghè inprestà.
Bronse Querte

Sembra che in Italia si leggano pochi libri rispetto a tutti gli altri paesi europei, e non si capisce il perchè e per come. Forse perchè ci manca il tempo, dico io. Io tutto quello che ho letto, l'ho letto in bagno. Ci sono due buoni motivi per leggere un libro: uno, perchè ti piace e due, perchè ti puoi vantare di averlo letto. Comunque non basta avere tanti libri, come dice mia moglie: "Dopo bisogna anche toglierne la polvere!". Tanti libri nuovi vengono dimenticati nel giro di un anno, in particolare da tutti quelli ai quali li hai imprestati.
Bronse Querte

broéja


broéja (s.f.) | convolvolo (vilucchio)

20081122

topetti

Giovedì...topetti!

bonora

Bonóra = presto, per tempo, di buon mattino

Il genitore al figlio che esce di sera: "vien casa bonóra"

Vado a letto presto perchè: "doman devo svegiarme bonóra"

20081120

biavarol

biavarol = sarebbe "biadaiuolo" anche se, ovviamente, oggi non vende più biada, ma soprattutto formaggi e salumi.


__________________
similia tag | casolìn

legor

Légor.

Scónda légor=nascondino (da scónt, nascondere).

Zamira

Tirabuson

20081119

da montelupo si vede capraia

Da Montelupo si vede Capraia, Dio li fa e poi li appaia.

Ein zwei drei Polizei



Al set Cagliot c'al dutor nov al dis che ai ong di pe in dog.
(Lo sai Cagliotto che il dottore nuovo dice che le unghie dei piedi sono dodici?)

Set = sai = 7
ot = 8
nov = nove = 9
dis = dice = 10
ong = unghie = 11
dog = 12

Strusce

Do' la cere se strusce e la brecessione non camine!

20081118

bachette

bachétte = fagiolini
"En* bachette": tipica risposta alla domanda "Oh mà, che c'è a mangià? (Oh mamma, che c'è per pranzo/cena?)", quando il menù è tutt'altro che vario ed elaborato. In senso più ampio, sta a significare un qualsivoglia stato di penuria o una situazione non favorevole.

*"En" : forma contratta di "enno", "sono" (terza persona plurale del verbo essere).

20081117

bronsa cuerta

"Brace coperta": ovvero covare sotto la cenere.
Si dice di una persona innocua/tranquilla ma che può avere esplosioni di rabbia...

ciammaruca


ciammaruca (s.f.) | lumaca


__________________
similia tag
| ciammarica

Cavdel

openclipart.org

20081116

Ignazio Buttitta

Un populu mittittinc’ a catina
spugghiàtilu
attuppatinc’ a vucca
è ancora libero
levatinc’ u travagghiu
u’ passaportu
a tavola 'unni mangia
u’ lettu unni dormi
è ancora ricco.
Un populu diventa poveru e servu
quannu 'nc’ arrobbanu 'a lingua adduttata d’i patri
è persu pe’ sempi
diventa poveru e servu
cuanno i paroli nun figghianu paroli
e si mangianu intra d’ iddi
mi n’ addugnu uora, mentre accordu a chitarra
du ddialettu ca perdi ‘na corda 'gni iuornu.



Un popolo mettetegli la catena
spogliatelo
tappategli la bocca
è ancora libero
toglietegli il lavoro
il passaporto
la tavola dove mangia
il letto dove dorme
è ancora ricco.
Un popolo diventa povero e servo
quando gli rubano la lingua adottata dai padri
è perso per sempre
diventa povero e servo
quando le parole non partoriscono parole
e si mangiano fra loro
me ne accorgo ora, mentre accordo la chitarra
del dialetto, che perde una corda al giorno.

Cacòcciola

Cacòcciola = Carciofo


__________________
similia tag | articiòco

intimea

intimèa (s.f.)
=
1. federa da cuscino;
2. persona irresoluta, facilmente influenzabile.

20081115

i

Qual è la parola più corta del vostro dialetto?

cheno

chèno = vino

"... ma ti gà 'a coa?"

... ovvero "ma hai la coda?"
Si usa dire quando uno usa lasciare la porta aperta entrando o uscendo da una stanza. Ovviamente non chiuderebbe la porta perché avrebbe paura di lasciarci la coda in mezzo.
Altra variante "... ma ti xe nato in barca?"

20081114

Pantaciata

Pantaciata = Fiatone

20081113

mare

me mareme mare
=
mia mamma

popà

me opàme popà
..oppure..
me opà
=
mio papà

20081112

figà

figà = fegato

20081111

zacanella


Zacanèlla = Fuochi d'artificio.

s’appiccea tuttu co’ quelle zacanèlle
si illuminava tutto con quei fuochi d’artificio.

Ma il termine viene ormai utilizzato molto più spesso con il suo significato volgare che indica la masturbazione maschile! ;-)

Abbottare


o meglio: Abbotta' = Gonfiare, riempire al massimo.

moeghe on ponto

Moeghe on ponto = molla un punto, molla un pò, sii più elastico, meno rigido



Orchestra Popolare di Venezia

Marieta monta in gondoea

(Bixio-Cherubini-Concina)

lui: Marieta monta in gondoea che mi te porto al Lido!
lei: Mi no che no me fido, ti xè massa un impostor!
lui: Cossa te disi cocola? Perchè in quel boscheto...
lei: Ti m'ha scrocà un baseto per pissegarme el cuor.
E tiche-tiche-ti... ti te disi "no"
ma mi so' che te bate el cuor...
tiche-tiche-tà...
anca lu lo sa che a Venessia l'amor se fa...... in gondoeta..!
lei: Digo no... no ghe vegno no!!!
Co sto afar del si e del no,
moeghe on ponto...
moeghe on ponto...
moeghe on ponto tutti do...!
lui: Ma varda che spetacoeo ea luna xè d'argento
lei: No far del sentimento cossa te vol mi so'.
lui: Sora le tonde cupoe, svoea e coeombele
lei: Zònteghe pur e steee ma no me fido no!
E tiche-tiche-ti te disi "no"
ma mi so' che te bate el cuore...
tiche-tiche-tà...
anca lu lo sa che a Venessia l'amor se fa...... in gondoeta...!
lei: Digo no... no ghe vegno no!!!
lui: Va ben, va ben finimoea mi ciapo un'altra strada
lei: Te fa una balossada, no so se te convien!
lui: Me sercarò Felisita per farte un bel dispeto
lei: Mi no che no permeto perchè... te vogio ben...!
E tiche-tiche-ti... ti te disi "si"
anca mi, si me bate el cuore...
tiche-tiche-tà...
che felisità
a Venessia l'amor se fa...in gondoeta,
in gondoeta...in gondoeta,
te darò un basin!!!

20081110

cazzimperio


Lu Cazzimperio:

Le coste imbiancate del sedano nero di Trevi, lavate ed asciugate, s'intingono in una salsetta ottenuta mescolando olio extravergine d'oliva (EVO) di Trevi, sale e, a piacere, pepe nero macinato fresco. Solitamente, la salsa è servita in una ciotolina di terracotta messa a disposizione dei singoli commensali.

Arapperizzicasse

Nun t'arepperizzicà che t'arettummoli.
Me lo diceva spesso mia nonna di Tivoli, vicino Roma. Una frase, o meglio un proverbio, che rispecchia parecchio l'animo a mio avviso pavido della gente che ha vissuto sempre all'ombra della grandezza di Roma.
Cosa vuol dire? "Non ti arrampicare che cadi", una versione ancora più timorosa del "non tirar troppo la corda altimenti si spezza".

Arrisicare

Arrisicare = rischiare, azzardare

20081109

biligot

Biligòt.

E' la castagna bollita (possibilmente senza vermetto).
Metaforicamente indica qualcuno dal carattere molle e cedevole, come la consistenza della castagna cotta troppo a lungo nell'acqua. Una persona fiacca, pigra e non troppo sveglia. Un pesce lesso, insomma.

 
minima template © bowman | indormia custom