20090527

lingua e dialetto

Un populu mittitilu a catina,
Mettete un popolo in catene,
spugghiatilu,
spogliatelo,
attupatici a vucca,
tappategli la bocca,
è ancora libiru.
è ancora libero.
Livatici u travagghiu,
Levategli il lavoro,
u passaportu,
il passaporto,
a tavula unni mancia,
la tavola dove mangia
u lettu unni dormi:
il letto dove dorme:
è ancora riccu.
è ancora ricco.
Un populu
Un popolo
diventa poviru e servu,
diventa povero e servo,
quannu ci arrobbanu la lingua
quando gli rubano la lingua
addutata di patri:
adottata dai padri:
è persu pi sempri.
è perso per sempre.
Diventa poviru e servu
Diventa povero e servo
quannu i paroli non figghianu paroli
quando le parole non figliano parole
e si mancianu tra d'iddi.
e si mangiano tra di loro.
Mi nn'addugnu ora,
Me ne accorgo ora,
mentri accordu a chitarra du dialettu
mentre accordo la chitarra del dialetto
ca perdi na corda lu iornu.
che perde una corda al giorno.

[Ignazio Buttitta, 1970]

7 commenti:

Caigo ha detto...

tagli un ramo...questo ricresce
Tagli le "radici" la pianta muore.

Dario D'Angelo ha detto...

"quannu i paroli non figghianu paroli" :-)

gaz ha detto...

Semplicemente eccezionale...

Forza delle parole e della
coscienza delle proprie origini.

Grazie

em ha detto...

anche io trovo geniale l'immagine di parole che non figliano parole...

fausto ha detto...

bella testimonianza anche se avrei preferito sentirtela recitare ;)

suburbia ha detto...

Forse li sotto si sente... ma non la sento neppure io.
Splendida, sottinteso

em ha detto...

@fausto: beh ho inserito l'audio originale, ubi maior...

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom