20130102

ciucciuvéttela


Ciucciuvéttela: civetta.
Si dice di persona considerata di cattivo auspicio, da cui il detto "Sciò sciò, ciucciué!" ("va via, civetta!")
La seconda "e" è muta.

Sperando in un 2013 senza "ciucciuvéttele", i membri di Dialetticon vi augurano buon anno!

5 commenti:

skip ha detto...

Quanto mi sono simpatici i civettoni e le ciucciuvettele, con quegli occhioni ipnotici e il becco impertinente.
Pensare che nell'antica Grecia erano sacri alla dea Atena e simbolo della filosofia e della saggezza.

Auguri di buon Anno!

gaz ha detto...

Povera civetta, da buona gazza quale sono, hai tutta la mia simpatia :-)

Buon 2013 a tutti!

fiordicactus ha detto...

"Ciuetta" . . . qua nel sud delle Marche è la civetta e . . . quella che la Litizzetto chiama "Iolanda"! ;-)

Si capisce che ho il Festival di sottofondo??? :-)

Ciao, Fior

arzach ha detto...

a cuccvesc nel mio dialetto

Smaralda ha detto...

"cuccvesc" è barese, per caso? In salentino ho sentito "cuccuvascia"; in veneto in genere è la "suìta", ma il mio bisnonno diceva "storèa", che sarebbe "astorella", da "astore", nome dato a parecchi rapaci. Pianigiani lo dà come "uccello predatore" derivato da "Asturie", da dove sembra provenisse parecchia fauna selvatica. Francamente, mi sembra più credibile Treccani che lo fa discendere da "acceptor-oris".

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom