20081223

Pinucce e u Piccininne


Marì Marì
fa nasce u piccininne.
Acchiaminde ci vèntagrosse si' fatte,
sora mè.
Chisse so' cose
c'a nu certe punte
non te le pute tenè 'n guerpe cchiù:
l'a da sckattà daffore,
pure c'a da sckamà
com'a na matte
pe le dulure,
pure ce po' a da chiange,
pe la contentezze apprime,
po' pe l'angosce
de sapè che av'a morì uagnone,
che te l'hanne accide
com'a nu cane,
jidde, u cchiù buène,
jidde, core de mamme,
jidde, tutt'u bene c'ha trasute jinde a te
e po' av'assute e non s'ha fermate cchiù.

Marì, damme n'attane
che cudde mi' morì,
non m'arecuèrde bbune,
a la uèrre, accise sop'a la fatiche,
assute matte,
capa cazzate da kidde malamente,
o put'jesse che spariscì e avaste,
abbune abbune.

Marì, damme nu frate,
che manghe m'aricuerde
da quanta timpe
non vogghe a scekuà a pallone
che le combagne,
da quanta timpe
non facime a ci arrive apprime
a corre 'n mezze a la cambagne,
a cì skute cchiù lontane,
a cì av'a fa innamorà
kedda bella uagnèdde.

Damme nu figghie,
Marì,
pure che non è figghie a mè
pure che è figghie a n'Altune
o a n'altre e Trè.



Marì ha sgravate,
regale u figghie o' munne,
ma pe mo' vine a mamme,
pigghie u latte a la ninnì,
p'u acite stè tijmpe.

Pinucce a nu cuèste
pènze e acchiamènde,
prisciate.
Parève ce non avevame
fatte nudde
jinte a la vita nostre,
ma tanta volte
u nudde diventa assa',
le poveridde so' attane de Rè.

Pierangelo Indolfi © 2008
La traduzione in italiano qui

5 commenti:

em ha detto...

(...) cose | c'a nu certe punte | non te le pute tenè 'n guerpe cchiù... molto bella pier...
certo magari un glossarietto per i termini più ostici farebbe comodo...

Pierangelo ha detto...

La traduzione:

Pinuccio e il Bambino

Maria Maria
fai nascere il bambino.
Guarda che pancione che ti ritrovi
sorella mia.
Queste son cose
che ad un certo punto
non te le puoi più tenere dentro:
le devi fare uscire fuori,
anche se devi urlare
come una matta
per i dolori,
anche se poi devi piangere,
in un primo momento per la contentezza,
poi per l'angoscia
di sapere che dovrà morire giovane,
che te lo dovranno ammazzare
come un cane,
lui, il più buono,
lui, cuore di mamma,
lui, tutto il bene che è entrato dentro te
e poi è uscito e non si è fermato più.

Maria, dammi un padre
che quello mio morì,
non mi ricordo bene,
in guerra, ammazzato da un infortunio sul lavoro,
impazzito,
col cranio fracassato da gente per male,
o forse sparì e basta,
senza nessun motivo apparente.

Maria dammi un fratello,
che nemmeno mi ricordo
da quanto tempo
non vado a giocare a pallone
con i miei amici,
da quanto tempo
non gareggiamo
nella corsa campestre,
a chi sputa più lontano,
a chi riuscirà a far innamorare
quella bella ragazza.

Dammi un figlio,
Maria,
anche se non è figlio mio,
anche se è figlio di un Altro
o di altri Tre.

...

Maria ha partorito,
regala il figlio al mondo,
ma per ora vieni da mamma,
prendi il latte al mio seno,
c'è tempo per l'aceto.

Pinuccio in disparte
medita e osserva,
entusiasta.
Sembrava che non avevamo
fatto niente di importante
in tutta la nostra vita,
ma a volte succede
che il niente diventa tanto,
i poveracci diventano padri di Re.

ilaria ha detto...

Buone feste possano essere per te serene..un bacio:)

il Capocomitiva ha detto...

Caro Pierangelo è davvero bella questa poesia. ed io per gratitudine alla tua costante gentilezza mi permetto di pubblicarla sul mio blog.

Un caloroso saluto. Sergio.

Rita ha detto...

Pierangelo,ho letto ed afferrato i contenuti anche se in dialetto.Ho dato un'occhiata alla traduzione per avere un quadro integrale del tutto.Semplice e spontanea la tua poesia,cosi come piace a me.
Rita Elia

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom