20090730

Pace-e-sonn'

Sarà colpa della digestione, del caldo, insomma: della stagione ma, nelle prime ore del pomeriggio non riesco a frenare una imbarazzante serie di sbadigli. Proprio lo sbadiglio nel mio dialetto viene definito con una parola composta che mi ha sempre affascinato e che la mia cara nonna ripeteva ammonendo i miei genitori: il bimbo è stanco, deve dormire, continua a fare "li Pace-e-sonn' "!

7 commenti:

em ha detto...

ssenti maa... tra un tuo Pace-e-sonn' e staltro, potresti pure spiegare qualcosina di più sul modo di dire (molto bello)... poi dice che sono gli statali, quelli lavativi... tze'

fausto ha detto...

uff...tu sei il brunetta dei blog!

Train of thought ha detto...

è da poco nata mia nipote e questa frase la sento quasi tutti i giorni.

Train of thought ha detto...

insieme alle tipiche espressioni "oddì quant è bel sta citl" "quant sa fat gros" :) (e non mi voglio soffermare sul rincoglionimento generale)

gaz ha detto...

Train of thought, benvenuta alla nipotina :)
Citl allora sarebbe bambina in abruzzese?
Bella questa geografia dialettale dell'infazia ;)

A presto :)

fausto ha detto...

train - "la citl to" è sicuramente bella!

gaz - la citl è riferito ai neonati o ai bimbi ma nei primi anni di età, poi si trasforma in "bardasc'", "frechin'" o "uaglione" ecc a seconda dell'età o della provincia.

Train of thought ha detto...

per i maschi a volte i più anziani usano "cellò" :D

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom