20100322

crespigne

Crespigno (Sonchus oleraceus)

In cucina, se teneri, si usano crudi come insalata, e cotti se più sviluppati.

Curiosità: proprietà depurativa della cistifellea.

Detto marchigiano: “Le crespigne de gennà non è bona per villà”

In questi giorni di fine inverno, nei prati intorno casa, oltre alle pratoline, all'acetosella (zuchì) e alle violette, un sacco di altre erbe spontanee, una, "l'erba crespigna", usata in una ricetta della suocera... "le fujie" che, marito e figlio a grande richiesta hanno mangiato l'altro giorno!

Si raccolgono le "crespigne", si mondano le foglie senza i gambi più duri, eliminando anche fiori e boccioli, eventuali. Si lavano e si fanno bollire con un po' di bietole e con patate tagliate a pezzi piccoli... si "cacciano" col "cacciamaccheroni" e si condiscono con olio e sale, mischiando delicatamente, perchè non devono venire "impappate", ma devono risultare delicatemte unite.

I tempi non sono indicati, perchè sto procendendo a naso... non avendo la Suocera, alla sua epoca, codificato questa semplice ricetta. La cognata, sua figlia, dice che lei prova e decide.

Per le dosi dell'olio per il condimento, mi rifaccio alla frase di una bisnonna di mio marito: "L'olio si deve vedere, se non si vede, non è bastante!"

Curiosità trovata in rete:
Plinio il Vecchio, naturalista dell’antica Roma del I secolo d.C. sosteneva che un piatto di crespigno nutrì Teseo, mitico eroe greco, prima che andasse ad affrontare il Minotauro. Nel medioevo veniva coltivata negli orti dei semplici all’interno dei monasteri, per utilizzarla come diuretico e depurativo.

9 commenti:

gaz ha detto...

Il fiore assomiglia a quello del tarassaco!
Mi piacerebbe assaggiarlo, non so se dalle nostre parti si trova...magari Fior, si potrebbe organizzare uno scambio "culinario"?
:-)

fiordicactus ha detto...

In effetti, il fiore sembra quello del tarasacco, ma la pianta è diversa, molto più alta, ce ne ho, nell'orto, alcune che arrivano al ginocchio, e mia cognata raccoglie per i conigli, che ne sono ghiotti! :-)

Caigo ha detto...

"volgarmente " dovrebbe essere un "soffione" se ho capito bene.

em ha detto...

è evidente che questo blog è interessato solo a magna' ... e vòle pure magna' bbene ;) ... cmq, caìgo&gaz: ho studiato e il crespigno qua citato è parente stretto del taràssaco (dente di leone, soffione...).

Caigo ha detto...

@ em: non capisco su quali "basi" tu possa affermare che qui si pensi solo al magna';-)

gaz ha detto...

@Caigo, quel che dico anch'io! hehehe

em ha detto...

Linneo... chi era costui? se fai click sull'erbolario vedi che tendiamo a postare piante che se màgneno, mica scemi...

Shady ha detto...

grespigni in Umbria :)

fiordicactus ha detto...

Scusate il ritardo, (rutter in blocco!) . . . non credo che siano i soffioni, infatti il fiore appassito, si restringe, i semi sono sì lanugginosi, ma tutti stretti stretti, formano dei ciuffetti bianchi, però, nei prossimi giorni, li tengo d'occhio . . . :-)

Il problema , mi diceva un Perito Agrario di Bergamo, è che erbe che su sono alte al max 20 cm, qui arrivano al metro tranquillamente, e i cambiamenti, proporzioni diverse, foglie più grosse . . . ne rendono difficile il riconoscimento al volo! :-)

Sempre disponibile per scambi culinari! :-)

Saluti a tutti, R



Ciao a tutti

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom