20100104

Azezibau


Nel dialetto ventimigliese è un aggettivo che significa "assiderato, rinsecchito dal freddo", derivato da "ziba" il nome del vento freddo di tramontana che spira dalle nostre parti d'inverno.

In "Nöte üvernenga" il poeta dialettale Renzo Villa utilizza il termine con una similitudine nella quale fa assomigliare l'inverno ad un vecchio ubriaco che dorme sulla nuda terra, intirizzito dal freddo.



Nöte üvernenga

E rame du figu
gianche cume u laite,
suta u ciairù da lüna
i sun brassi de caussina
aissai au celu.

Nu se sente l'aren du ventu
ni u runfu da marina.
L'invernu u dorme acurgau
in sciâ terra nüa,
cume in imbriagu
azezibau dau freidu.

(Notte invernale - I rami del fico/ bianchi come il latte,/ sotto il chiarore della luna/ sono braccia di calce/ levate al cielo.// Non si sente il respiro del vento/ nè il russare del mare./ L'inverno dorme disteso/ sulla nuda terra,/ come un ubriaco/ intirizzito dal freddo.)

7 commenti:

gaz ha detto...

E' una gioia leggerti!
Benvenuta Filo :)

redazione ha detto...

benvenuta filo!

filo ha detto...

@Gaz, grazie cara!
@Redazione, grazie infinite a voi tutti, in particolare a Em.

novalis ha detto...

Fiore non potevi fare un'entrata migliore, bentrovata :)

em ha detto...

:)

skip ha detto...

Questi versi evocano immagini semplicemente belle.

Complimenti, filo :)

filo ha detto...

Grazie Skip! ;;)In un futuro non molto lontano,forse la nostra scuola sarà intitolata proprio a Renzo Villa,che ho conosciuto di persona ed era maestro elementare. E'scomparso nel '96, mi pare.

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom