20100215

Le età dell'uomo

(Disegno di Emanuele Luzzati)

A dés agn l'è ü s-cèt, a vint agn l'è ü paù, a trènt agn l'è ü leù, a quaranta l'è ü béstiù, a sinquanta l'è ü volpù, a sesanta l'è ü capù, a setanta l'è ü s-cetù, a otanta l'è 'n del balù.

(L'uomo) a 10 anni è un ragazzino, a 20 è un pavone, a 30 è un leone, a 40 è un bestione, a 50 è un volpone, a 60 è un cappone, a 70 è un bambinone, a 80 è nel pallone.


Di vinte ai trènta i va chi spaènta, di quaranta ai sinquanta i và chi stanta, di sesanta ai setanta i précc i canta, di otanta 'nda 'nsö i se cónta gnà piö.


Tra i 20 e i 30 anni quando si muore fa spavento, tra i 40 e i 50 i più sono vivi (letteralmente: faticano ad andarsene), tra i 60 e i 70 i più muoiono (i preti fanno festa), dagli 80 in su non si contano nemmeno più (quelli che muoiono).

1 commenti:

Claudia e Tiziano ha detto...

Non so se è attinente, ma in veneto "amia" è la zia e "barba" è lo zio. A volte si usano anche per persone anziane legate alla famiglia senza essere parenti, (vicini di casa) familiari acquisiti per matrimonio come i suoceri dei genitori)
Sulla stessa scia ci sono i Santoli (i padrini) e le Santole (le madrine)

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom