20100626

Legenda Ventemigliusa


Gh’eira ina vota ina figlia d’in Re
che mai a nu’ l’ava riüu ni’ cantau,
e in sc’in cavalu dau rüvegu pe’
in filtru a l’àva per tütu çercau.
Ma a sun d’andà e caminà,
in fin dau Röia a l’è arivà.
Stanca, a meschina, in scia bunda a ne ven
e, in zenugliun, a se mete a pregà:
“O Ventemiglia d’u Scignù,
antiga terra de l’amù,
in mügliu d’ani òn suspirau,
in mügliu d’ani òn caminau,
e cose bele ch’u nu’ l’à
u mei destin mai cunusciüu
fame che e pösce infin truva’
suta au tou celu de velüu”.
Chi a ve’ ina sciura de tantu spřendù,
ch’intu mirara i beli ögli i ghe rie,
e intu sentìghe u sou gran bon audu’,
tüte e tristesse i te ghe sun sparie.
A in scciancu alu’, ch’a ve’ passa’
tüta cuntenta a l’à lanzà;
elu u rispunde, a ne turna a cöglì,
e inta bataglia a se mete a canta:
Ti sei tü chela figlia d’in Re
che mai a nu’ l’àva riüu ni’ cantau?
Mi sun u Conte, e òn tantu pieixé
che chì u bon filtru infin ti àgi truvau.
E se ti, te ghe vöi ferma’
ai pei te metu a mei çità.
In sciù cavalu dau rüvegu pe’
alura drente au Castelu a l’è intra’.


(di Filippo Rostan, scritta nel 1934)


La foto ritrae un cartellone che ho disegnato, dipinto e scritto a mano in gotico, con l'aiuto dei bambini, per un progetto scolastico sul dialetto ventimigliese. La versione che avevo a disposizione è leggermente diversa dall'originale di Filippo Rostan.

2 commenti:

gaz ha detto...

Filo, è bellissima :)
Mi immagino i bambini a leggerla!

Piccola traduzione a margine, grazie ;)

filo ha detto...

Grazie Giuli.
La traduzione non l'ho inserita perché mi sembrava che il post diventasse troppo lungo e poi speravo si capisse.
la scrivo qui:
c'era una volta la figlia di un re
che non aveva mai riso né cantato
e su un cavallo dal ruvido pelo
un filtro aveva ovunque cercato
ma a forza di andare e camminare
infine al Roja è arrivata.
Stanca, la poverina,arriva sulla riva
e in ginocchio si mette a pregare
Oh Ventimiglia del Signore
antica terra dell'amore
un mucchio di anni ho sospirato
un mucchio di anni ho camminato
le cose belle che il mio destino non ha mai conosciuto, fa che le possa trovare
sotto questo cielo di velluto.
Qui vede un fiore di tanto splendore
che nel guardarlo gli occhi le ridono
e nel sentire il suo buon profumo
tutte le tristezze le sono sparite
e a un giovane che vede passare
tutta contenta lancia quel fiore
lui risponde, ne coglie altri
e nella battaglia (di fiori) si mette a cantare:
Sei tu quella figlia di un re
che non aveva mai riso né cantato?
io sono il conte e ho tanto piacere
che qui tu abbia infine il buon filtro trovato
e se ti ci vuoi fermare
ai piedi ti metto la mia città.
Allora sul cavallo dal ruvido pelo
dentro al castello è entrata.

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom