20091224

Buonissimo Natale


Ad oggi del Natale non rimane che un intreccio paraspirituale di tradizioni religiose e pagane e, se per i fanciulli è una occasione di gioia, per tutti gli altri spesso è solo un impegno fatto di obblighi "cerimoniali" che trovano sfogo e liberazione in una grande abbuffata. Quindi prendo spunto dal post della Alessandra (subito sotto) e vi propino una ricetta di un dolce natalizio della mia terra d'Abruzzo augurando a tutti i partecipanti lettori di prendere qualche chilo in allegria.

Ninn'è de Natale la feste
se de li calciunitte
ne nnì pripire na bbella ceste.
Attacchete attorne a li fianche
na parnanza bianche,
pije la farine
ben dusate nghe lu misurine,
aggiustele nghi li mane
come se fusse na funtane,
mittece dentre d' oije nu bicchijre
e altrittante di nu vinelle liggire.
Ammischie tutte piane piane
fine a che manche
nu tucculette ci-armane.
Quande l' impaste è pronte,
facce na palla rotonde
e supre a lu spianatoije
allarghe la sfoije.
Passe e 'rpasse
lu stinnemasse
ma nge nu tocche dilicate
pe' n' arduce la paste tutte sframicate.
Se accorte si state
na lune s' ha furmate,
fine, liggire e trasparente
come nu vele d' argente.
Dentre a lu stipe, se ci l' artruve,
pije la sclucchijate d' uve
che t' ha rgalate zia Donate
quande si state ammalate.
Aijungece, se ti ci piace,
mandele, noce e ciucculate,
tutte ben tritate,
daje na bbona vucicate
e na liccatelle nge lu dite
p' assaggià se dolce à scite.
Dapù, nghe lu cucchiarine,
affilile a mucchijtte
pe furmà li calciunitte.
Calme calme apijghe la sfoije
si nin vu cumbinà nu 'mbroije
e taijele une une
nghe lu carruculucce
che j gire tonne tonne
e fa nu mirlittucce.
Dentre a la firsore,
mezz' a l' oije de live
falle sfrije,
sculele e asciughele,
jttece sopre na spulveratelle
de zucchere e cannelle
cuscì, come se fusse
na polvere di stelle,
e, leste leste
accumidile dentre a la ceste.
Pe' fa 'rscì bbone sta ricette
nin ti scurdà
ca atre cosi ci-a da mette,
certe 'ngrediente
che nin si comprene
e nin costene niente:
nu cuniccelle de fantasije,
na vrangatelle di puesije
na cantate mentre li frije
e tant' amore pe' la famije!


Tratto da "Na vulije" di Mara Seccia, Edizioni NoUbs
(http://frascia.blogspot.com/2007/12/la-ricette-de-li-calgiunitte.html)

3 commenti:

fiordicactus ha detto...

Io mi aspettavo la riceta del parozzo . . .ma anche questa è da studiare, tradurre e poi, la proverò!

Buon Natale! R

Daniele ha detto...

Slurp, mi prenoto per usufruire della traduzione!
Auguri a tutti :)

veronica ha detto...

auguri dolci a tutti...BOOONIIII!!! la nonna ne ha già preparati una quintalata :D

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom