20091013

Scijò

Scijò, tromba marina

"Lu Scijò, è la tromba marina, un tornado sul mare.
I pescatori, ritenendo ancora le credenze dei primi che solcarono l'Adriatico, credono invece che lu Scijò sia un turbine apocalittico di spiriti malefici. (Vedi la narrazione che G. Milanesi fa della leggenda adriatica in Mar Sanguigno). II fatto che un soprannome al femminile suona Sciùne ci fa pensare - e basta solo togliere il femminilizzante indoeuropeo per recuperare il maschile del nome - al dio egizio dei venti Shu, che quindi ci riporta all'antica pronuncia del nome".
E' stata una tromba d'aria (lu scijò), che ha imperversato sulla costa orientale, ieri pomeriggio, che ha affondato il peschereccio "Diana Madre". Sui tre pescatori a bordo, due si sono fortunosamente salvati, uno è disperso.
Disperso, che troppo spesso è come dire morto, ma non ancora trovato!
Penso alla madre, alla sorella, ai suoi fratelli, ai suoi nipoti! E spero, al di là di ogni ragionevolezza, che possa essere trovato vivo!

E ripenso a questa poesia della Bice (Beatrice Piacentini Rinaldi):

Lu nustr' jè 'nu mestîre tradetòre
'n'âtre ppiù 'nfame 'n ze po' trevà!
Ma chi ce ha nate 'sogne che cce mòre.
Stènte, patisce e nne lu po' lassà'!

Lu mare jè bberbò, jè 'ngannatòre,
'ngòrde, de tante 'n tante vo' magna'.
Ma quanne je va bbòne te dà l'òre!
Che je vû dì? 'Sogna lassallu fà.

Tu scillu mmaleditte, 'njurïate
quanne se 'ncagne e che te fa 'mmattì'!
Vê' la bbunazze e te ne scì scurdate.

Còmme fusce 'na donna trista e bbèlle
che te turmènte, che te fa suffrì'
eppù te 'ncante 'nche 'na resatèlle.


Qui, di seguito una mia traduzione, a braccio:

Il marinaio
Il nostro è un mestiere traditore, un altro più infame non lo puoi trovare! Ma chi c'è nato, bisogna che ci muore, stenta patisce e non lo può lasciare.
Il mare è birbone e ingannatore. Ingordo, di tanto in tanto vuol mangiare. Ma quando gli va bene, ti da l'oro! Che gli vuoi dire? Bisogna lasciarlo fare.
Tu l'hai maledetto, ingiuriato, quando si arrabbia e ti fa ammattire. Viene la bonaccia e te lo sei scordato.
Come fosse una donna, "trista" e bella, che ti tormenta e che ti fa soffrire, e poi, ti incanta con una risatella.

5 commenti:

caigo ha detto...

Ho sempre sentito i miei nonni chiamare la tromba marina "bissa bòvoea" che potemmo tradure come "serpente a chiocciola".

Anonimo ha detto...

Mio suocero, vecchio marinaio e ancora praticante, quando sente queste poesie si commuove sempre.
Bell'articolo e poesia fantastica. Ogni volta che la leggo mi incanta.
H69

spina di cactus ha detto...

Ringrazio la Redazione, per l'aggiunta, preziosa, dell'audio! :-)

Ciao, R

gaz ha detto...

Infatti, molto molto bella ;)

redazione ha detto...

ma non c'è di che... :)

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom