20090514

Trenta quaranta


Trènta, quaranta
la pégora che canta.
La canta söl sentér
ciama ciama 'l pegorér.
Ol pegorér l'è 'ndacc a Roma,
ciama ciama la padrona.
La padrona l'è 'n de stala,
ciama ciama la caàla.
La caàla l'è 'n giardì,
ciama ciama 'l Gioanì.
Gioanì l'è sö söl tècc,
tìrel zó per i orècc.
Tira orècc, tira orècc...

Trenta, quaranta
la pecora che canta.
Canta sul sentiero
chiama chiama il pecoraio.
Il pecoraio è andato a Roma
chiama chiama la padrona.
La padrona è nella stalla
chiama chiama la cavalla.
La cavalla è in giardino
chiama chiama Giovannino.
Giovannino è su sul tetto
tiralo giù per le orecchie
Tira le orecchie, tira le orecchie...


E' una delle più conosciute conte in dialetto bergamasco. Nel recitare l'ultimo verso bisogna appunto tirare le orecchie al bambino al quale la filastrocca è destinata.

1 commenti:

Patatiiina&Nicknock ha detto...

per fortuna c'era la traduzioneXD

Posta un commento

per non commentare da anonimo: nel menù "Commenta come" è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL". Chi vuole lascia vuoto il campo "URL".

 
minima template © bowman | indormia custom