20120929

tastasal

Impasto di carne di maiale macinata, salata e insaporita con sale e pepe nero macinato, usato per fare il salame, che si usa(va) tastare (assaggiare) per verificare la corretta salatura dei salumi prima di insaccarli.

20120920

inderegà

inderegà (agg.) | eccitato

20120917

risi e luganighe

Le popolazioni del Veneto, non conoscono, si può dire, altra minestra che il riso, e però lo cucinano bene e in tante svariate maniere. Una è il riso sul brodo colla salsiccia; ma colà le salsicce le lasciano intere; io preferisco di sminuzzarle nel brodo quando vi si mette a cuocere il riso, il quale non è bene lavare, ma soltanto nettare e strofinare in un canovaccio per levargli la polvere. A me piace di unire al riso colle salsicce, o rapa o cavolo cappuccio. Sia l'una che l'altro vanno prima imbiancati, ossia mezzo lessati; tagliate la rapa a dadi, il cavolo a fettuccine e metteteli a soffriggere nel burro. Poco avanti di levare il riso dal fuoco aggiungete un buon pizzico di parmigiano per legarlo meglio e dargli più grato sapore. 

Pellegrino Artusi
1891

20120914

Setembre


 "A setembre e fighe i pende"

(A settembre i fichi pendono dagli alberi)


Raccogliere fichi era una delle azioni più comuni che si facevano un tempo nelle campagne di questa stagione.
Ma a volte poteva capitare che qualcuno raccogliesse fichi da alberi non suoi, come successe a quel tal Bacì: "Bacì u l'è andau pe' fighe, pe' fighe briansote, i l'han carregau de bote, oh poveru Bacì".

Però a me i fichi non piacciono!!

20120903

drìo


drìo, de drìo (avv.) | dietro

drìo, posto davanti al verbo lo muta al gerundio: el xe drìo fare (magnare, dire, ecc.) = sta facendo (mangiando, dicendo ecc.) [fonte: dialetto-veneto.it]

 
minima template © bowman | indormia custom